Evento

Willy Ronis-fotografie 1934-1998

Argomenti: 

Dal 6 settembre 2018 al 6 gennaio 2019, la Casa dei Tre Oci di Venezia rende omaggio al grande fotografo francese Willy Ronis (1910-2009).

La mostra, la più completa retrospettiva del grande fotografo francese in Italia, presenta 120 immagini vintage, tra cui una decina inedite dedicate a Venezia, e documenti, libri e lettere mai esposti prima d’ora.

L’esposizione, curata da Matthieu Rivallin, coprodotta dal Jeu de Paume di Parigi e dalla Médiathèque de l’architecture et du patrimoine, Ministry of culture – France, con la partecipazione della Fondazione di Venezia, organizzata da Civita Tre Venezie, presenta 120 immagini vintage, tra cui una decina inedite dedicate a Venezia, in grado di ripercorre l’intera carriera di uno dei maggiori interpreti della fotografia del Novecento e protagonista della corrente umanista francese, insieme a maestri quali Brassaï, Gilles Caron, Henri Cartier-Bresson, Raymond Depardon, Robert Doisneau, Izis, André Kertész, Jacques-Henri Lartigue e Marc Riboud.

Pur non essendo un movimento codificato da un manifesto programmatico, quello umanista dimostrava il suo interesse verso la condizione umana e la quotidianità più semplice e umile, per scoprirvi un significato esistenziale universale. Attraverso le sue immagini, Ronis sviluppa una sorta di micro-racconti costruiti partendo dai personaggi e dalle situazioni tratte dalla strada e dalla vita di tutti i giorni, che lo portano a estasiarsi davanti alla realtà e a osservare la fraternità dei popoli.

Se è vero che le sue fotografie corrispondono, in una certa misura, a una visione ottimista della condizione umana, Ronis non ne cela l’ingiustizia sociale e s’interessa alle classi più povere. La sua sensibilità nei confronti delle lotte quotidiane per la sopravvivenza in un contesto professionale, familiare e sociale precario, rivela che le sue convinzioni politiche, militante comunista, lo conducevano a un impegno attivo, attraverso la produzione e la circolazione di immagini della condizione e delle lotte operaie. Sebbene la maggior parte delle sue immagini più riprodotte siano state scattate in Francia, sin dalla sua giovinezza Ronis non ha smesso di viaggiare e fotografare altri luoghi. Il suo stile resta intimamente legato al suo vissuto e al suo modo di intendere la fotografia. Non esitava, infatti, a rievocare la sua vita e il suo contesto politico e ideologico. I suoi scatti e i suoi testi raccontano un artista desideroso prima di tutto di esplorare il mondo, spiandolo in segreto, aspettando pazientemente che esso gli sveli i suoi misteri. Ai suoi occhi è più importante ricevere le immagini che andarle a cercare, assorbire il mondo esteriore piuttosto che coglierlo e, da qui, costruire la sua storia.

Attività didattiche per famiglie legate alla mostra:

PERCORSO CONGIUNTO GRANDI E PICCOLI

i bambini dai 6 ai 10 anni saranno guidati da Sabina Italiano alla scoperta de"le forme del caso" mentre gli adulti da Silvia Pichi nel far rivivere "le cinque regole del caos"

DOMENICA 30 SETTEMBRE h17.00 in occasione del Festival “Venezia Città dei bambini”, verrà effettuato solo il laboratorio per i più piccoli, LE FORME DEL CASO

DOMENICA 21 OTTOBRE h16.00

DOMENICA 16 DICEMBRE h16.00

PERCORSO PER BAMBINI

Un altro laboratorio, destinato solo a i bambini (dai 6 ai 10 anni), s‘intitola GIOCO E REALTA’: EMOZIONI ALLO SBARAGLIO, con Silvia Pichi. “La fotografia è emozione”, diceva Ronis. Il percorso rivelerà emozioni catturate, altre immaginate, altre ancora da cercare nel confronto reciproco. L’atelier accompagnerà i bambini alla narrazione dell’emozione nell’immagine in bianco e nero e nell’espressività spontanea del colore.

DOMENICA 18 NOVEMBRE h16.00

La durata dei laboratori per famiglie e bambini è di 1h30m. Le attività si svolgeranno a partire da un minimo di 8 fino a un massimo di 20 partecipanti

Parallelamente a queste due proposte, la Casa dei Tre Oci è lieta di presentare un nuovo programma rivolto esclusivamente agli adulti.

INIZIATIVE PER ADULTI

LA PAROLA A RONIS. Letture con Sabina Italiano.

Musiche con Marco Centasso al contrabbasso e Alberto Collodel al clarinetto, Durata 1h

Attraverso i suoi scritti Willy Ronis racconta dettagliatamente i propri scatti, fornendo al visitatore alcune chiavi di lettura delle foto o delle sensazioni legate ad esse. Una lettrice e due musicisti presteranno la loro voce ai racconti dell’autore, guidando in modo speciale ed emozionale i visitatori della mostra.

SABATO 22 SETTEMBRE h17.00

DOMENICA 7 OTTOBRE h17.00

DOMENICA 25 NOVEMBRE h17.00

TRA IMMAGINE E PAROLA. LA NARRAZIONE D’ARTISTA

Percorso attivo con Silvia Pichi. Durata 1h30m

Percorso attivo alla ricerca dell’immagine poetica, sia negli scritti di Willy Ronis che nei suoi reportages fotografici, in un viaggio all’interno delle sue rappresentazioni del mondo e della vita di tutti i giorni.

DOMENICA 28 OTTOBRE h17.00

 IL GIOCO DEL CASO

Percorso attivo con Silvia Pichi, 10-12 persone max. Durata 2h

“Ci si potrebbe sorprendere, non delle sorprese del caso - sono così frequenti - ma del fatto che il fotografo sia spesso presente per coglierle.” Una frase di Willy Ronis diventa occasione per guardare alle sue foto affidandosi alla sorte e al gioco. La proposta prende spunto dalla sua poetica del caso e dal gioco legato alla festa di San Martino per proporre un’esperienza dedicata agli adulti in questo giorno tanto amato a Venezia dai bambini. Vi aspettiamo per “mettervi in gioco” attraverso immagini, suoni, odori per una narrazione di sé.

DOMENICA 11 NOVEMBRE h16.00

La proposta si apre anche agli istituti scolastici, dall’ultimo anno della scuola d’infanzia all’ultimo anno delle superiori.

INIZIATIVE PER SCUOLE e CAMPUS

Dal lunedì al venerdì, una classe per volta, dalle 10 alle 15:30

Durata dei laboratori 1h 30m, Disponibilità complessiva: 14 laboratori

LE FORME DEL CASO

Laboratorio per ultimo anno scuola infanzia e primaria, con Sabina Italiano

Attraverso una storia originale appositamente ideata per la mostra, gli alunni potranno scoprire che le foto parlano e si raccontano. Nella seconda parte del laboratorio verrà creato un gioco di forme in equilibrio in bianco e nero, come i colori delle foto esposte.

BIANCO E NERO A MODO MIO

Laboratorio per la scuola primaria e secondaria, con Sabina Italiano

Gli alunni potranno scoprire che le foto raccontano storie, attraverso un breve racconto che mette insieme le foto esposte. Nella seconda parte il bianco e il nero delle composizioni di Ronis vengono reinterpretati attraverso un’opera espressiva per creare una composizione che ricostruisca in maniera astratta ciò che il fotografo aveva realizzato con la macchina fotografica.

GIOCO E REALTÀ: EMOZIONI ALLO SBARAGLIO

Laboratorio per la scuola primaria e secondaria, con Silvia Pichi.

“La fotografia è emozione” diceva Willy Ronis. Il percorso attraverso le foto rivelerà emozioni catturate, altre immaginate, altre ancora da cercare tra i coetanei.

L’atelier accompagnerà bambini e ragazzi alla narrazione dell’emozione sia nell’immagine fotografata in bianco e nero che nell’espressività spontanea del colore.

PERFORMANCE

Laboratorio sperimentale dedicato ad un’unica classe di scuola secondaria di primo o secondo grado. Tre appuntamenti a cura di Sabina Italiano

Fotografia, teatro, musica sono linguaggi espressivi che interagiscono tra loro e raccontano storie di persone sconosciute eppure familiari. Dopo aver scoperto le fotografie in mostra, i ragazzi provano a creare delle performance per mettere in scena, con il corpo, con la voce e con la musica le cinque parole chiave legate alla fotografia di Willy Ronis: pazienza, riflessione, tempo, caso e forma. La proposta si articola in tre incontri: il primo in mostra, il secondo in classe, mentre il terzo prevede una performance pomeridiana all’interno della mostra. 

DATA LA PARTICOLARITÀ DELL’ESPERIENZA, PER ULTERIORI INFORMAZIONI CONTATTARE LA SEGRETERIA DI BARCHETTABLU

Info e prenotazioni per tutte le attività

Dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 al numero 041 2413551 o scrivendo a info@barchettablu.it; sabato e domenica scrivere a info@treoci.org.

Tutte le attività didattiche rivolte ai bambini e alle famiglie (percorso congiunto) sono gratuite e comprensive dell’ingresso alla mostra. Le iniziative dedicate agli adulti sono gratuite con ingresso ridotto alla mostra di € 8 anziché 12.

 
 
 
 
 
 

 
 
 
 

 

Data: 
da Giovedì, Settembre 6, 2018 a Domenica, Gennaio 6, 2019
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
 
 
Prezzo: 
A pagamento