Evento

Il Novecento a Palazzo Franchetti

Argomenti: 

Il Novecento a Palazzo Franchetti con i capolavori del XX secolo.

Dalla Metafisica di Giorgio de Chirico all'originale percorso di Giorgio Morandi, dal Futurismo di Giacomo Balla al Surrealismo di René Magritte, dal Bauhaus di Paul Klee alla città di New York di Franz Kline, dai colori di Joan Mirò all'arte materica di Leoncillo: l'esibizione porta alla luce i protagonisti dello scorso secolo attraverso una serie di lavori interpretati per mezzo delle loro parole. Un'opportunità per mettere in discussione il futuro dell'arte stessa, che ad esempio secondo Giorgio de Chirico “sarà esattamente lo stesso della poesia, della musica e della filosofia: creare sensazioni sconosciute in passato, spogliare l'arte dal comune e dall'accettato, da qualsiasi oggetto in favore di una sintesi estetica”, una operazione non a caso eseguita da Andy Warhol anni dopo. Una riflessione non solo sull'arte in sé, ma anche sulle grandi collezioni private di oggi.

Un viaggio attraverso opere importanti e raramente viste, ma soprattutto un'occasione per riflettere sull'arte e sul suo futuro attraverso la voce dei protagonisti del Novecento. Un mormorio che si ode dalla prima sala, nella quale tra i tempi e i toni di nature morte e paesaggi, le parole di Giorgio Morandi in un'intervista a The Voice of America del 1957 suggeriscono come “il possibile compito educativo delle arti figurative” è “specialmente nel presente, comunicare le immagini e i sentimenti che il mondo visibile suscita in noi”.

Un riflesso silenzioso interrotto solo dall'elogio alla velocità, del movimento e della tecnologia di Giacomo Balla e Gino Severini, protagonisti con le loro opere, collocate nella stanza accanto, dove vediamo emergere come “i quadri futuristi nel distruggere l'immobilità di qualsiasi cosa” diventa “trasportata nell'imponente caos delle azioni universali e dinamiche”. Un movimento che risuona anche nel colore delle tele e “nell'immediata irruzione dell'infinito nel finito”di Joan Mirò che fa da contrappunto all'arte calma di Paul Klee, presentata con Die Rolle (1930), dipinto durante uno degli ultimi anni di insegnamento al Bauhaus, un'esperienza conclusasi nel 1931. L'atmosfera gioiosa ci trasporta altrove, in un tributo a una Venezia di altri tempi che nelle sue diverse ripetizioni guarda a Canaletto, ma sta anche nel mezzo del pensiero Metafisico dove la domanda diventa nota: ”Quale sarà lo scopo della pittura del futuro? Sarà esattamente lo stesso della poesia, della musica e della filosofia: creare sensazioni ignote nel passato, spogliare l'arte dal comune e dall'accettato, da qualsiasi oggetto in favore di una sintesi estetica: sopprimere completamente l'uomo come guida o come mezzo per esprimere simboli, sensazioni, pensieri, liberare la pittura una volta per tutte dall'antropomorfismo che soffoca la scultura; vedere tutto, ogni uomo, per le sue innate qualità”.

Entrando nella stanza successiva, ci muoviamo nell'asse della storia dell'arte, che lascia Parigi, trasformando New York nella nuova capitale mondiale e si distacca dalla figurazione per proporre un nuovo dipinto che ha come protagonista l'astrazione. Questi sono gli anni dell'Espressionismo Astratto e di Franz Kline negli Stati Uniti, a cui corrisponde la fase Informale, rappresentata da Georges Mathieu e Leoncillo,in Europa. É il trionfo dell'istinto interiore dove “volumi e design non vanno ricercati”.

 

L'itinerario espositivo finisce con la grande rivoluzione degli anni Sessanta e la stanza dedicata a Andy Warhol, che realizza la profezia prevista da Giorgio de Chirico “tutti i dipinti devono avere le stesse dimensioni e gli stessi colori, in modo che siano interscambiabili e nessuno possa pensare di avere un dipinto migliore o peggiore. E se uno è un capolavoro, lo sono anche gli altri dipinti. Inoltre, anche se il soggetto è diverso, la stessa immagine viene sempre dipinta”. Alla fine del viaggio artistico presentato nella mostra, nel giardino che si affaccia sul Canal Grande, i totem di Robert Sebastian Matta, custodi di un futuro che è già oggi, vegliano su Palazzo Franchetti.

 

InfoInfo: tickets@acp-palazzofranchetti.com

 
Data: 
Ricorre ogni settimana ogni Lunedì e ogni Mercoledì e ogni Giovedì e ogni Venerdì e ogni Sabato e ogni Domenica fino a Sab Ott 31 2020 .
Mercoledì, Giugno 10, 2020
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
 
 
 
 
Prezzo: 
A pagamento
Dal 10 giugno ACP Palazzo Franchetti ha riaperto al pubblico solo su appuntamento. L'ingresso prevede la formula della visita guidata al prezzo di 10,00 euro a persona. Per la prenotazione, si prega di contattare il numero +39 333 1012415 o l'indirizzo email
tickets@acp-palazzofranchetti.com indicando i giorni e gli orari di preferenza. Sarete ricontattati con la conferma di tutti i dettagli per l'accesso alle esposizioni. Si informa che il numero massimo di visitatori negli spazi museali è di 10 persone contemporaneamente e che negli spazi del museo è obbligatorio l'uso della mascherina e il mantenimento della distanza interpersonale di almeno 1 metro.
Giorno di chiusura: martedì.