Evento

IN FINITO. Carlos Quintana

Argomenti: 

Infinite nel suo carattere non restrittivo e indeterminato sono le cronache visive che Carlos Quintana propone nelle sue enormi tele. Labirinti di soggettività, spazi di confluenza di un barocco simbolico che trasformano l'universo mediato, le sue opere annunciano l'imminente impotenza del dominio gnostico per restaurare il trionfo del sensibile sul razionale.
Enigmatico e misterioso come il suo lavoro, Quintana è un nomade, un cubano errante che è riuscito a inserirsi in esperienze culturali diverse. In quel girovagare, che parte dai disagi con il suo stesso contesto, ha esplorato sia la memoria collettiva che i grandi poemi epici, come nell'esoterico e nell'onirico. Con intensità sovversiva, l'artista spoglia il circo che tutta la società comporta e si oppone a dichiarazioni univoche e schematizzazioni erigendo un repertorio iconografico che rifiuta la referenzialità.
L'artista ruota attorno a un asse extra-temporale ancorato nel silenzio, contrapposto al flusso frenetico delle immagini televisive e all'onnipresente parossismo di internet. Una visione trasversale della sua opera ci restituisce la magica visione del mondo di un intelletto originale, caotico, lirico, volubile, violento, pieno di ricorrenti ed eccessive ossessioni. Il dipinto trasmutato come l'occhio del mondo, valida alternativa alla standardizzazione soporifera, ricettacolo di una memoria enciclopedica e imprecisa. 

La mostra si snoda lungo le sale di palazzo Loredan. Partendo dalla particolare connotazione del palazzo, la cui biblioteca conserva volumi di tematiche scientifiche e umanistiche, IN FINITO ibrida nozioni parallele e concomitanti per proporre una prospettiva personale e inclusiva dell'uomo contemporaneo e delle sue circostanze.
Il piano terra contiene un'installazione che sovverte la galleria di figure storiche del Palazzo, integrando nuovi soggetti e materiali all'insieme che cancellano canoni di riconoscimento prestabiliti dall'arte, dalla storia e dalla società. L'apparenza mista che ne deriva articola una logica di conoscenza senza precedenti e ludica.

L'opera ridimensiona l'atrio e orienta lo spettatore nell'itinerario che la mostra propone: una spedizione in cui verità e mito, assioma e fantasia si combinano organicamente e proiettano una rete di convergenze e decentralizzazioni. Dozzine di nuove teste concordano, episodi dell'ignoto e del probabile, del sostanziale e del poco importante. Le manovre di un artista per ristabilire il dominio di una percezione distintiva e inusuale. La materia legittimata si affianca ad altre sostanze: bronzo, argilla, elementi riciclati, ricontestualizzati, la provenienza è sfocata generando nuovi livelli di ricezione.

Tre sale al piano terra ospiteranno una raccolta di disegni e dipinti su cui l'artista interverrà dalle narrazioni quotidiane del processo lavorativo a Venezia. Il lavoro continua a "accadere" mentre la mostra è aperta al pubblico.

L'installazione sarà eseguita in-situ, utilizzando piccole sculture e materiali che l'artista ha collezionato e realizzato negli ultimi cinque anni. Le sale dei disegni e dei dipinti saranno assemblate per la mostra con una serie di pezze pre-elaborate che aumenteranno man mano che l'evento avanza e dalle relazioni dell'artista con il pubblico e il contesto.
Le sale del piano nobile contengono dipinti di grande formato realizzati appositamente per la mostra, appoggiati al pavimento, che trasfigurano il significato dei libri che rivestono le pareti e propongono uno scenario transfinito di espansione oltre le parole. Testimonianze ibride e irriverenti che collegano realtà multiple. 

 

Palazzo Loredan, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
11 maggio - 29 luglio 2019
10-18; chiuso la domenica
Ingresso gratuito

Data: 
da Sabato, Maggio 11, 2019 a Lunedì, Luglio 29, 2019
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31
 
 
Prezzo: 
Gratis