Evento

Conversations. Bai Ming and his students on Chinese Ceramics

Argomenti: 

Dal 23 Settembre al 22 Novembre 2018


Si torna a parlare di Cina alla Fondazione Querini Stampalia con la mostra Conversations. Bai Ming and his students on Chinese Ceramics, aperta al pubblico dal 23 settembre al 22 novembre 2018.

La promuovono Fondazione Querini Stampalia e Academy of Arts & Design, Tsinghua University.

“Ancora una volta un artista internazionale che trasforma elementi della tradizione in creatività contemporanea, affidando alla ceramica il compito di rappresentare un mondo sospeso tra età e continenti diversi, tra memoria e innovazione, tra il lontano Catai e Venezia” sottolinea Elisabetta Dal Carlo, curatrice del progetto.

Antichissimo il legame tra l’Oriente e la produzione di ceramiche: le prime forme risalgono al Neolitico. E antichissimo è il rapporto che questi manufatti hanno con Venezia. E’ Il Milione del veneziano Marco Polo, nel XIII secolo, a darne notizia, forse per primo in Europa. Tradizione vuole che sia stato lui a portare in laguna la prima porcellana cinese: un piccolo vaso bianco del X secolo circa, con una delicata decorazione a rilievo a foglie e tralci fioriti, conservato nel Tesoro di San Marco.   Da allora ceramica e porcellana in Cina hanno continuato a svilupparsi, guadagnando nel tempo la dignità di vera e propria produzione artistica al pari di pittura e scultura. Oggi gli artisti cinesi si trovano così a confrontarsi con la tradizione millenaria di quest’arte e il desiderio di esprimere nuovi contenuti e nuove forme.

Bai Ming è uno dei più noti rappresentanti dell'arte della ceramica cinese contemporanea, famoso sia negli Stati Uniti che in Francia per le sue forme uniche, purissime, dai colori delicati e brillanti insieme.

 

Data: 
da Domenica, Settembre 23, 2018 a Giovedì, Novembre 22, 2018
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31
 
 
 
Prezzo: 
A pagamento