Luogo
Chiesa di San Marcuola

Chiesa di San Marcuola

Cannaregio, 1762
30121 Venezia VE

La tradizione vuole che questa chiesa sia stata costruita la prima volta sull'isola Lemeneo, addirittura fra il IX secolo e il X secolo, e che sia stata poi distrutta da un incendio seguito ad un terremoto. Fu poi nel XII secolo che venne eretta la chiesa attuale, grazie ai contributi delle famiglie Memmo, proprietaria dell'Isola di San Giorgio Maggiore, e Lupanizza. Nel 1663 si notavano solo piccole modifiche della struttura; fu in quegli anni che Antonio Gaspari presentò i suoi progetti per la ristrutturazione. Tali progetti rimasero sulla carta fino al 1730, morte del Gaspari, anno in cui vennero affidati a Giorgio Massari. Il Massari riuscì a finire la parte interna già nel 1736, ma non finì la facciata della chiesa, che è rimasta tuttora incompiuta. Dopo la ristrutturazione ad opera dell'architetto Giorgio Massari la chiesa si presenta ora con una navata unica a pianta quadra, coperta da una volta "a botte".  La porta d'ingresso è posta, in modo singolare, sul lato sinistro della chiesa; questo perché, secondo alcuni disegni conservati al Museo Correr, il Massari voleva ricreare lo stesso effetto della chiesa dei Gesuati (Santa Maria del Rosario), che si affaccia sul canale della Giudecca.

La chiesa offre una vasta collezione di statue dello scultore Gaetano Susali, ma il suo "tesoro" principale è l'Ultima Cena di Jacopo Tintoretto.

Orari di apertura:
Tutti i giorni dalle 9.00 alle 11.00 e dalle 17.30 alle 19.00

Per maggiori informazioni: www.patriarcatovenezia.it

Contatti:
Phone: +39 041-713872
Fax: +39 041-713872
 

 

Foto Didier Descouens - Opera propria